Errore

  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/racnet/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 589.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/racnet/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 589.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/racnet/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 149.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/racnet/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 135.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/racnet/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 135.
  • strict warning: Declaration of views_handler_field_comment::init() should be compatible with views_handler_field::init(&$view, $options) in /home/racnet/public_html/sites/all/modules/views/modules/comment/views_handler_field_comment.inc on line 50.
  • strict warning: Declaration of views_handler_field_comment_username::init() should be compatible with views_handler_field::init(&$view, $options) in /home/racnet/public_html/sites/all/modules/views/modules/comment/views_handler_field_comment_username.inc on line 48.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_node_status::operator_form() should be compatible with views_handler_filter::operator_form(&$form, &$form_state) in /home/racnet/public_html/sites/all/modules/views/modules/node/views_handler_filter_node_status.inc on line 14.
  • warning: Creating default object from empty value in /home/racnet/public_html/sites/all/modules/views/modules/comment/views_handler_field_comment_username.inc on line 33.
  • warning: Creating default object from empty value in /home/racnet/public_html/sites/all/modules/views/modules/comment/views_handler_field_comment_username.inc on line 33.
  • warning: Creating default object from empty value in /home/racnet/public_html/sites/all/modules/views/modules/comment/views_handler_field_comment_username.inc on line 33.
  • warning: Creating default object from empty value in /home/racnet/public_html/sites/all/modules/views/modules/comment/views_handler_field_comment_username.inc on line 33.
  • warning: Creating default object from empty value in /home/racnet/public_html/sites/all/modules/views/modules/comment/views_handler_field_comment_username.inc on line 33.
Set
20

Una moglie quasi fedele

Una moglie quasi fedele - Racconti Tradimenti, moglie, natiche, orgasmo, penetrazione.

Sissi, una moglie quasi fedele.
di Cornutodapino
Col corpo percorso da incessanti brividi, geme sotto i colpi del mio pene che furiosamente stantuffa nella sua vagina bagnata dal piacere incipiente. Mia moglie, aggrappata alle mie natiche, urla il suo orgasmo dimenando con forza le anche per favorire il più possibile la penetrazione.
"Chiavami, chiavami !"
Mi urla nel pieno dell'eccitazione
"Chiava la tua troia, la tua vacca che ha tanta voglia di cazzo, di tanti cazzi, dimmi che ti piacerebbe vedermi chiavare con un altro uomo!"
Come sempre l'eccitazione dei nostri sensi raggiunge il massimo livello quando sollecitiamo la nostra fantasia affrontando argomenti che nella realtà di tutti i giorni avremmo certamente rifiutato.
"Si amore ti sto chiavando, ma vorrei vederti chiavare con Pino, ti piace il suo cazzo? Pensa che bello sentirlo sborrare nella tua la fica!"
Pino é stato il primo Amante di Sissi e durante i nostri amplessi ci piace ricordare le esperienze che hanno vissuto insieme.
"Ti ricordi quando glielo prendevi in mano? Come ti piaceva menarglielo, strusciartelo in mezzo alle tette, sulla faccia, succhiarglielo tutto per sentire in bocca il suo sapore di maschio.
Come ti piaceva leccare dolcemente con la lingua la sua cappella fino a sentirtelo godere in bocca! Adesso godi ancora nel ricordarlo! Fammi vedere come gode una troia! Ahh come vorrei che fosse qui adesso per metterti il suo cazzo in bocca mentre ti chiavo!"
Nel frattempo continuo a scoparla con forza, sento il cazzo che sbatte contro il suo utero e noto che le piace. Poco alla volta avverto in mia moglie l'approssimarsi dell'orgasmo e raddoppio l'intensità dei colpi.
"Si cosii amore... godi... godi troiona mia, fatti chiavare da Pino quando e quanto vuoi!"
"Sto godendo Franco, sto godendo col cazzo di Pino, é tutto dentro dentro di me, nella mia fica... mi sta chiavando tutta, ahh... vengo, vengo... godi anche tu insieme a me!"
L'orgasmo raggiunge entrambi contemporaneamente e le riempio la fica di sperma, tiro fuori il cazzo ancora parzialmente duro e lo appoggio sulla sua pancia.
Prendo a baciarla sulle guance, la lecco dolcemente dietro le orecchie sussurrandole paroline d'amore, ma poi ripensando ai fatti delle nostre fantasie mi prende il morso della gelosia.
"Davvero ti piaceva succhiare il cazzo a Pino?"
"Si mi piaceva, lo sai che è stato lui ad insegnarmi a prenderlo in bocca, a succhiarlo, gli piaceva da morire farsi masturbare con la bocca, ma queste cose le sai già, quante volte ti ho già raccontato tutto quello che c'è stato tra noi, tutto quello che abbiamo fatto insieme.
Tu piuttosto dimmi se ti piacerebbe davvero vedermi chiavare nuovamente con Pino, vedermi fare con lui tutte le cose che faccio con te. Lo sai vero che mi basterebbe fargli una telefonata?
Quando ci siamo lasciati mi ha lasciato il suo recapito telefonico.
"Si Sissi, lo sai che mi piace farti fare la troia non solo con la fantasia mentre scopiamo, ma credo che mi piacerebbe vederti scopare veramente con lui. E' una strana situazione, da una parte vorrei che tu lo facessi davvero e dall'altra mi sento rodere dentro e impazzisco al solo pensiero!"
Questi più o meno sono i discorsi che seguono quasi sempre i nostri amplessi, ogni volta così, l'idea di vederla scopare con un altro mi arrapa, ma la gelosia mi blocca.
Un giorno in occasione di aver partecipatò a una lotteria locale mia moglie Sissi vince il primo premio , un viaggio della durata di una settimana in Kenya.
Sebbene a malincuore, non potendo partecipare anch'io per impegni di lavoro, consento a Sissi di partire senza di me. L'accompagno all'aeroporto per assistere alla partenza dell'aereo e alla fine mestamente raggiungo la macchina per rientrare a casa.
I giorni passano e arriva la data del rientro, finalmente riabbraccio con gioia mia moglie. Sembra ringiovanita, ha un'aspetto festante e felice, da tempo non la vedo così bene.
Rientrati a casa sono smanioso di sentire le sue impressioni ed il racconto di come ha passato quei sette giorni lontano da me. Comincia a raccontarmi di tutto ciò che di caratteristico ha visto, delle feste in albergo, dei giochi fatti con i dipendenti e colleghi di lavoro.
"Sai cosa mi è successo una sera durante una festa? Sto ballando con un bel ragazzo Kenyano, e mentre balliamo quel maiale inizia a strusciarmisi addosso
e gli diventa duro..."
"Non dirmi che è finita che ti sei fatta scopare..."
"Ma no gelosone, però mi sono eccitata anch'io e credo che se ne sia accorto perché ha fatto di tutto per farmelo sentire come meglio poteva appoggiandomelo sulla pancia e sulle cosce."
"Schifosa ne hai approfittato... confessa che ti è piaciuto!"
L'idea che abbia sentito su di sè il cazzo di un altro mi eccita terribilmente e comincio a sentire un formicolio particolare salirmi dalle gambe verso le palle, il cazzo inizia ad inturgidirsi e mi prende una tale voglia di mia moglie, che l'afferro per i fianchi e finiamo per rotolarci a terra sul tappeto della sala. Le infilo le mani sotto le sottane e, denudate le gambe, prendo a baciarla proprio là dove finiscono le calze.
La lecco salendo con la lingua lungo il reggicalze fin dove scompare sotto le mutandine, le scosto con la mano e penetro nella fica già fradicia di umori. Martello il clitoride con piccoli e rapidi colpetti in punta lingua e la porto rapidamente a gemere di piacere. Le do il tempo di riprendersi dall'orgasmo e l'invito a riprendere il discorso.
"Se avessi voluto mi sarebbe stato facile farmi scopare, non desiderava altro che portarmi a letto con lui quel maiale, però non ho ceduto alla tentazione perché mi dispiaceva per te, ma ti confesso che mi è piaciuto molto sentire il suo cazzo duro strusciare sulle cosce, sulla pancia, sentirlo premere prepotente contro di me durante il ballo..."
Sempre più infoiato dal suo racconto raddoppio le mie attenzioni e le strapazzo ferocemente le tette.
"Schifosa! Perché non ti sei fatta sbattere come una troia! Ahh come mi sarebbe piaciuto se ti avesse infilato il cazzo nella fica!"
A questo punto Sissi è coinvolta anche lei dalla mia libidine e si scatena stringendomi la testa con forza fra le cosce.
"Sii! Anch'io avrei voluto farmelo infilare tutto nella fica, fino in fondo! Mi sarebbe piaciuto sentire la sua cappella sbattermi contro l'utero, sentirmi chiavare tutta come piace a me, sentire il suo cazzo entrare e uscire dalla mia fica fino a farmi sborrare dentro... la sua sborra calda tutta dentro di me..."
"E poi cosa ti ha fatto ancora, ti ha palpato anche le tette, il culo?"
"No, lui no, ci ha provato ma non gliel'ho permesso, però è successo la sera dopo. Finita la cena sono uscità a fare due passi nel parco per restare da sola, per respirare un po' d'aria fresca.
Sto passeggiando quando mi sento chiamare..."
"Bella signora, cosa fai tutta sola, non hai amico per farti compagnia? Tuo marito non c'è?"
"E'il un ragazzo di colore con cui avevo ballato la sera prima, quel bel giovanotto gentile . Prima di avere il tempo di rispondergli, mi prende sottobraccio e mi conduce in un vialetto alberato"
"Vieni, ti faccio visitare giardino tropicale."
"Man mano che ci inoltriamo lungo il vialetto mi mostra i fiori delle aiuole e le piante tropicali, me ne dice i nomi, ma la mia attenzione é solo per lui perché sicuramente ha altre intenzioni.
Poco dopo infatti comincia a manifestare quello che vuole veramente. La sua mano inizia a salire e scendere leggera lungo il mio braccio in una carezza così sensuale che mi riempie di brividi e in un attimo mi ritrovo eccitata con il fuoco in mezzo alle gambe.
Si ferma in un angolo in ombra del vialetto, la mano ora mi stringe il polso e lo forza verso di lui... nell'apertura dei suoi pantaloni già sbottonati. E' un attimo e mi ritrovo in mano il suo cazzo, Franco dovevi vedere com'era grosso! Lungo e duro che sembrava un pezzo di legno.
Mi obbliga ad accarezzarlo e mi guida la mano su e giù, vuole che glielo meni. Non so resistergli perchè sono troppo eccitata e lo masturbo quasi senza rendermi conto di quello che faccio. Ho la mente intorpidita, confusa per l'eccitazione, ho voglia di farmi prendere e scopare e nello stesso tempo voglio rifiutarmi perchè penso a te. Sono succuba delle sue attenzioni, lascio che mi sollevi la sottana e mi infili la mano nelle mutandine, cerca di accarezzarmi la fica, voglio impedirglielo ma non ci riesco e quando lui mi infila dentro due dita non mi ribello e lo lascio fare.
Comincia a muoverle in un lento va e vieni e nello stesso tempo mi masturba il clitoride col pollice, perdonami Franco, ma in quel momento non capivo più niente. Ho cominciato a godere come una matta fino a quando cerca di infilarmi il cazzo fra le cosce e vuole penetrarmi.
Cerca di chiavarmi ma mi ribello, allora mi afferra per le spalle e mi costringe in ginocchio.
Ho quel cazzo magnifico a contatto del viso e me lo strofina sulla bocca perché glielo succhi.
Ha un afrore diverso, selvaggio, che aumenta ancora di più la mia libidine, lascio che me lo infili in bocca, mi piace il suo sapore! E' bellissimo, duro e morbido nello stesso tempo, la sua pelle sembra di seta, ma mi piace soprattutto il suo odore selvaggio.
Con la mano lo masturbo mentre gli tengo la cappella fra le labbra, lo meno freneticamente e nello stesso tempo mi sgrilletto la fica, raggiungiamo l'orgasmo insieme.
Gli faccio sborrare anche l'anima, ho la faccia e le mani piene del suo sperma. Con uno sforzo mi stacco da lui e con addosso un'agitazione tremenda, tanta da sentirmi il cuore battere impetuoso nel petto e sulle tempie, fuggo via per raggiungere di corsa l'albergo.
Entro nell'ascensore, che per fortuna è già lì, con ancora una voglia incredibile in corpo, ho la sensazione che tutti mi stiano guardando e che abbiano capito quello che ho fatto.
L'ascensore parte verso il mio piano e in quel momento mi accorgo di avere la mano destra piena di sperma, non so cosa mi prende in quel momento, la porto alla bocca e la lecco, la lecco assaporando ancora il gusto selvatico della sborra del negro, poi entro in camera chiudendomi la porta alle spalle. Stesa sul letto mi accarezzo fra le gambe, mi masturbo freneticamente per cercare nell'obliò del piacere l'appagamento del desiderio del maschio africano.
Mi penetro la fica con le dita ancora sporche di sperma, adesso vorrei che il negro fosse lì con me, vorrei sentirlo sborrare dentro il mio ventre, sentirlo schizzare la sua sborra fino in fondo all'utero.
Ho la tentazione di alzarmi e tornare in giardino per raggiungerlo e portarmelo in camera, ma poi desisto dal compiere la folle idea.
Sono tutta bagnata, continuo a masturbarmi e godo come una pazza mentre penso a te e a quell'uomo, al tuo cazzo e al suo cazzo, ah come sarebbe stato bello avervi lì con me per farmi scopare da entrambi.
Chiavami Franco! Chiavami, più forte, più forte, fammi godere!"
"Sei una gran troia, la mia troia tutta da chiavare, senti come ti sto scopando? Proprio come avrebbe voluto fare quel negro, pensa che bello se ora fosse qui! Lui che ti infila il suo cazzo nella fica e Pino che nello stesso tempo te lo mette nel culo..."
A queste parole Sissi è presa da un orgasmo incredibile, non è un singolo orgasmo, è una serie continua di orgasmi. non capisce più niente, balbetta frasi incoerenti e si lascia andare come fosse in deliquio.
Gli occhi rovesciati nelle orbite è in pieno delirio dei sensi e il suo corpo sussulta e freme, continua a godere senza riuscire a fermarsi, singhiozza, gioisce, piange, ma ogni atteggiamento é l'espressione del suo piacere.
Vuole il mio cazzo, quello di Pino, vuole il negro perchè glielo infili ancora in bocca, vuole sentire ancora il sapore della sua sborra.
Mi sfilo allora dalla vagina ed alzandomi sulle ginocchia mi protendo verso di lei e le appoggio il cazzo sulle labbra. Spalanca la bocca e lo ingoia fino alle palle iniziando a farmi un pompino.
E' un un su e giù bestiale, vuole che le goda in bocca e l'accontento allagandola con violenti getti di sperma che ingoia fino all'ultima goccia.
Appagato il furore della libido, restiamo sdraiati sul tappeto, uno accanto all'altro, in attesa che passi anche l'affanno.
Sissi ha il viso tutto impiastricciato, un filo di sperma le cola giù dall'angolo destro della bocca, mi prende l'uccello ormai ammosciato e dolcemente lo lecca ripulendolo con la lingua.
"Sai che mi sarebbe davvero piaciuto farmi fare dal quel keniano del villaggio? Quasi, quasi torno là e mi faccio violentare in quel vialetto!"
Me lo dice come una battuta di spirito che però credo nasconda il messaggio inconscio di un desiderio reale.
"Sissi non essere sciocca, un conto è raccontarci certe fantasie mentre facciamo l'amore, un altro è quando dici certe cose lucidamente mentre si discute, lo sai che sono geloso e mi è difficile concepire che tu te la faccia con un altro uomo!
Quello che mi hai raccontato mi ha eccitato da morire anche se mi sono sentito tradito quando mi hai raccontato di averglielo preso in bocca.
Dentro di me voglio credere che quello che è capitato sia accaduto in maniera accidentale, non voluta, però sai... sai che mi piace pensare che tu abbia cercato veramente di avere questa avventura?"
Passano alcuni giorni durante i quali cerco di non pensare più di tanto a quello che è successo, ma un sabato mattina la vedo col muso lungo, chiusa in sé stessa.
Questo comportamento non è da lei, capisco subito che c'è qualche cosa che non va, qualche cosa che la disturba. Voglio sapere cosa diavolo é successo e cerco di convincerla a confidarmi la sua pena.
"Che c'è Sissi, hai qualche problema? Vuoi parlarmene? Prova a confidati."
La porto a sedere sul divano, le cingo la vita con un braccio mentre continuo a ripeterle parole d'incoraggiamento, ma senza ottenere alcun risultato.
E' sempre più chiusa in sé stessa e sembra che nemmeno mi ascolti, all'improvviso si copre il volto con le mani e scoppia a piangere. Singhiozza come non l'ho mai vista fare e sono preoccupato seriamente per quello che le deve essere accaduto, certamente qualche cosa di grave.
Mentre piange tenta di dirmi qualche cosa che però mi è impossibile capire perché le parole sono continuamente rotte dai singhiozzi, ma poi, improvvisamente, tutto in un fiato riesce a dire:
"Perdono..., perdonami Franco perché ieri sera ti ho tradito!"
Dire che sono rimasto di sasso nel sentire le sue parole è poca cosa, il mio cuore sembra essersi fermato, la mente ha perso la lucidità e mi sento rintronato e confuso.
Ma come è possibile, la mia Sissi mi ha tradito...? Non ci credo, non è possibile e poi con chi?
Dimmi con chi?
A poco, a poco il sangue pulsa più regolarmente nelle vene e la confusione si attenua, ma contemporaneamente l'ira comincia a montarmi dentro.