Gen
27

MIA MADRE MI MASTURBA

MIA MADRE MI MASTURBA - Racconti Incesto, casalinga, cucina, grembiule, madre, mamma

Avevo 25 anni all’epoca, ero stressato per una materia universitaria che stavo preparando. Fuori una calda giornata estiva. Mia madre vedova da anni stava facendo pulizie in casa con addosso un grembiule che la rendeva molto arrapante.
Ebbene sì, vi confesso che saranno le donne mature, formose, in sostanza mia madre 45 anni, con un seno da brivido e un culo 10 e lode, un fisico ben mantenuto dalle molte ore passate in palestra, insomma mia madre mi faceva bagnare al solo pensiero di vederla nuda.
Era un periodo in cui non facevo sesso e non mi masturbavo da mesi, per cui avevo i coglioni gonfi e la vista di mia madre inchinata per terra che cercava chissà cosa mi aveva procurato un eccitamento spontaneo. La vista di lei in quella posizione pecorina, con il grembiule addosso ed un vestitino in cotone leggero addosso, doveva essere anche senza reggiseno, mi procurò un'erezione istantanea.
Dovete sapere che io amo i grembiuli, quelli in cotone leggero, possibilmente con pettorina, da cucina. La vista di una donna che lo indossa mi provoca eccitazione. Insomma mi piace la casalinga ingrembiulata! Non immaginate quanti rasponi mi sono fatto vedendo donne di quel tipo nelle riviste o nei film porno che ho collezionato. Sono un maniaco, penserete voi, ma so che non sono il solo. Ho scoperto recentemente il grembiule che più di tutti mi fa arrapare. Sono firmati Jessie Steele ed esiste il sito che li produce. Sono molto vintage e credetemi, indossate da una donna senza niente addosso sono molto provocanti. Ho scoperto che molte porno-attrici lo indossano e sono disponibili molti video e foto che li ritraggono nude o che si fanno scopare con indosso quel tipo di grembiule. Vi racconterò in seguito che ho realizzato quel desiderio, fatto realtà. Ma ritorno al mio racconto.
Mia madre, come dicevo era affaccendata nelle pulizie domestiche con un grembiule addosso di quel tipo con le ciliegine stampate sul tessuto. Io mi ero rinchiuso in camera mia a studiare. Ma se cercavo di prepararmi la materia il mio pensiero era mia madre immaginandola in posizioni molto eccitanti: in cucina che prepara da mangiare, su di una scala che pulisce l’armadio... io immaginavo lei senza mutande, ecc. Tali pensieri mi creavano un indurimento del mio cazzo e le palle mi facevano male per il gonfiore. Avevo solo voglia di scaricarmi un po'. Allora ho tirato giù i pantaloni e messa una cassetta nel videoregistratore di un film porno, ho cominciato a farmi una sega. Il mio cazzo intanto era durissimo alla visione di una troia che si faceva scopare da un uomo cazzuto in cucina, tra i fornelli, con lei solo ingrembiulata e nuda. Mi stavo godendo il mio raspone pensando che svuotate le palle sarei stato più concentrato nello studio. La troia intanto non si accontentava del cazzo nella figa dell’attore, ma si trastullava il clitoride con una carota gigante. Sarà per i gemiti della porcona o perchè doveva entrare per pulire la libreria, sta di fatto che mia madre entrò in capera mia.
Immaginerete la scena che trovò. Il pornazzo che mi stavo gustando ed il cazzo durissimo in mano. A quella scena lei restò sconvolta e quasi urlò per la sorpresa. Io mi affrettai a ritirare il mio uccello e a spegnere il videoregistratore. A quella scena parossistica (il mio uccello era durissimo per l’eccitazione e non voleva entrare nella patta dei pantaloni), mia madre restò in silenzio per qualche attimo e mi parse un'eternità quel momento di imbarazzo.
Lei non sapeva che dire, io ricordo farfugliai qualcosa di sicuro insensato. Ma dopo l’imbarazzo, mia madre sdrammatizzò la cosa dicendo: "Povero figlio mio, è da tanto che non ti svuoti, non preoccuparti mammina ti capisce, anch’io sai è da tanto che non lo faccio, da quando non c’è tuo padre, e a volte in camera o altrove in casa, quando non ci sei mi tocco la passerina e mi accontento. Anzi sai cosa facciamo, metti pure quel film che stavi vedendo, che mamma ti aiuta."
Io ero incredulo a quelle parole. Pensavo al mio amico che diceva: le donne sono tutte porche, soprattutto quelle mature. E come dargli torto, io ne avevo una a casa mia. Alla proposta di mia madre mi rassegnai, e se pur con un po' di imbarazzo misi in play il film. Le scene erano veramente hot, un vero pornazzo. Mia madre allora mi disse: "Complimenti per i gusti che hai, figlio mio, vedo che ti piacciono le casalinghe."
Allora tra lo stupore e l’imbarazzo creato dalla situazione, che mi pareva irreale, confessai a mia madre la mia passione per le casalinghe e i grembiuli, raccontando quanti rasponi mi ero tirato immaginandomela in grembiule e quante volte ho svuotato le mie palle sui suoi grembiulini sporchi nel cesto dei panni sporchi.
"Bene figlio mio" mi disse, "tu hai bisogno di realizzare questo desiderio ed io non posso immaginare che tu soffra per questo, d’ora in poi quando sarò a casa indosserò sempre grembiuli, sei contento?". "Certo che sì" risposi! A quel pensiero e alla visione della troiona del film, mi accorsi che il mio uccello era tornato ad indursi e mi faceva male dentro la patta dei pantaloni. Mia madre, mentre parlavamo, se ne accorse e disse: "Ma cosa abbiamo qui?" e con la mano mi aprì la cerniera ed uscì il mio uccellone. Lei ebbe un sussulto di sgomento: "Cazzo figlio mio, ti ho fatto proprio bene!".
Modestamente del mio cazzo ne vado fiero, 22 cm e molto grosso. Ebbene sì, mamma mi hai fatto proprio bene e le mie ex ragazze me lo dicono sempre.
La stretta della mano di mia madre si fece più forte e iniziò a fare avanti e scendi col mio cazzo, facendolo indurire ulteriormente. "Cazzo figlio mio, ma da chi hai preso? Tuo padre aveva un cazzo normale."
E mi faceva eccitare ogni volta che me lo menava, fermandosi solo quando parlava. Dal film intanto provenivano mugolii ed i tizi stavano scopando in cucina. Mia madre intanto si stava eccitando a quelle visioni, aveva alzato vestito e grembiule e si stava toccando la figa. "Ti scandalizzi se la tua mammina si masturbala la fighetta? Tutte queste cose mi fanno bagnare!". Infatti era bagnatissima ed io vedendola mugolare di piacere stavo quasi per venire. Lei si masturbava e mi masturbava. "Sei abilissima mamma continua così!", io ormai gocciolavo di piacere e vedere mia madre in grembiule da cucina, con le cosce aperte, con le grosse tette che nel frattempo aveva messo a nudo tirandole fuori, seduta sul mio letto che si apriva la figa continuando a masturbarsi, stavo quasi per esplodere. Il mio cazzo ormai pulsava continuamente e lei se ne accorse: "Sborra figlio mio, sborrami il grembiule come piace a te, sborra le tettone di mamma mentre mi tocco i capezzoli."
Fu un mix di messaggi eccitanti, visivi e di linguaggio, non c’è la feci più: "Vengo mamma..." ed esplosi in fiotti di sborra sulle sue tette.
Lo sperma colò anche sul suo grembiule, macchiandolo vistosamente e copiosamente. La troia allora prese con le dita quello che riusciva a recuperare e se lo spalmò, giocandoci, sui capezzoli. Avevo sborrato così tanto che altre macchie erano arrivate sulla parte inferiore, al livello della vagina, macchiando il grembiule ampiamente.
La porca visto ciò, allora continuò nella sua masturbazione poggiando quella parte del grembiule bagnata dalla mi sborra nella figa. Tra dita, cotone sborrato e figa si fece una grande masturbazione, sfregando il tutto. Ormai lei non capiva più niente, aveva dimenticato che io fossi suo figlio. Gemeva così tanto che alla fine esplose anche lei in un’orgasmo mai visto prima. In pratica aveva anche lei sborrato ed il grembiule era ormai madido di sborra mia e sua. Lei esausta appena si riprese si ricompose e disse: "Ti è piaciuto cucciolo di mamma tua? In giornata voglio quel gran cazzo che ti ritrovi tra le gambe dentro la mia fighetta" e così dicendo prese strofinaccio, scopa e andò via col grembiule macchiato di sborra. In giornata vidi che non lo tolse e questo mi procurò una nuova eccitazione.....ma ve lo racconterò un’altra volta....