Lug
4

MAMMA MIA CHE SCOPATA CASERECCIA (mi scopo finalmente mia madre mentre fa la pizza)

By giovama // // 0 Commenti // letto 2223 volte
MAMMA MIA CHE SCOPATA CASERECCIA (mi scopo finalmente mia madre mentre fa la pizza) - Racconti Incesto

Fuori continuava a fare un caldo tropicale, forse eravamo in una di quelle stagioni più calde degli ultimi tempi, saranno stati 45°C al sole.
Dopo quella esperienza ognuno di noi si occupò di cose diverse. Io andai in bagno a farmi una una pisciata e una bella doccia perchè ero tutto imbrattato di sborra e sudato per il gran caldo che c’era e perchè mia madre mi aveva fatto una bella sega facendomi scaldare dentro e fuori.
Ancora ero incredulo, mi sembrava di aver visto un bel film hard, ma con me protagonista. Mi sentivo un po' appagato. Nel senso che avevo in parte realizzato diversi sogni erotici. Uno di quelli erano il desiderio di mia madre e un altro era la passione per il grembiule. Dico in parte perchè quel raspone aveva in parte assopito temporaneamente un desiderio, ma da un’altra risvegliata la gran voglia che avevo di scoparmi quella gran porcona di mia madre. Lei dopo essere uscita dalla mia stanza si era diretta in cucina con il grembiule ancora inzuppato di sborra con evidenti aloni del mio e del suo sperma all’altezza dell’inguine e della pettorina messi in risalto dal suo splendido seno. Avevo notato, come dicevo nel racconto precedente, che lei non aveva tolto il grembiule, anzi l’aveva lasciato di proposito creando in lei un alone misto di odore di sperma e porcaggine, cosa che mi fece molto piacere. Intanto io avevo finito di farmi la doccia e mi sentivo fresco e pimpante. Dopo una doccia una persona si sente un altro. Perciò mi diressi nudo per il caldo, con solo le mutande, verso la cucina. Ormai sapevo che quel giorno non avrei studiato, sia per il caldo, ma soprattutto perchè mia madre aveva fatto quell'affermazione in camera mia e quindi avevo il pensiero di scoparmi mia made.
In cucina lei era affaccendata in qualcosa. La sentivo rumoreggiare tra pentole e teglie. Quando arrivai lei si voltò stupita del fatto che fossi nudo con solo le mutande (ancora mi vergognavo). Ma subito mi disse che era occupata nella preparazione di pizze e focacce. “Ti vanno, piccolo mio?”. “Ovviamente” risposi.
Io impazzivo per quelle cose e poi mia madre era una cuoca perfetta, adesso lo pensavo veramente vedendola muoversi sinuosamente. “Allora li faccio al pomodoro con funghi e prosciutto.” e mentre lavorava al preparato, vidi che le tette sobbalzavano ed il culo gli ballava perchè tagliava il condimento sul tagliere e mescolava il sugo di pomodoro, dentro la pentola. Io mi avvicinai con la scusa di vedere. “Che buon profumo!” dissi. “Sei proprio una brava cuoca” mentre mi avvicinavo più a lei. Notavo che era sudata sia per il caldo che per il forno acceso. Le tette mettevano in risalto microgoccioline di sudore. “Mamma" dissi "qui dentro c’è caldo, perchè non ti metti in libertà? Ti vergogni di tuo figlio?”. “In effetti hai ragione. Qui c’è un caldo soffocante. Adesso mi metto a mio agio”.
E così facendo si tolse grembiule e vestitino e si rimise il grembiule da cucina con solo l’intimo addosso. “Ecco, adesso sto meglio. Tu non sai quante volte l’ho fatto quando sapevo che non c’eri, in estate col caldo. L’ultima volta è stata quando ti ho preparato la torta”. Io nel frattempo notavo le sue rotondità accarezzate dal morbito grembiule in cotone. E guardando le sue poderose tette che premevano il tessuto della pettorina mi si stava incominciando a rizzare. Avvicinandomi più a lei le dissi: “Mamma ti aiuto”.
Alla sua affermazione mi misi a mescolare il contenuto della pentola. Ma nel frattempo avevo gli occhi fissi su di lei ed il suo bel corpo. “Hai un corpo perfetto mamma, sai che potresti fare la fotomodella? Anzi ti dirò di più con quelle poppe potresti fare la pornodiva, già ti immagino in una scena che fai una spagnola”. Sotto quel finto imbarazzo mi disse: “Se vuoi piccolo mio possiamo realizzare quella scena”, mentre si mordeva un dito della mano.
Dita ben curate, sempre smaltate, con l’anello tipo solitario tenuto da una veretta tempestata di diamanti, quella mano mi eccitava moltissimo perchè se ben curata aveva la mano di una porca. Allora si abbassò e mi mise la mano, quella mano, nella patta delle mutande creando in me un’indurimento del cazzo. “Piccolo ma stai soffrendo, adesso la mamma te lo tira fuori e lo fa respirare”. A quella affermazione ed a quella vista, la guardavo dall’alto verso il basso con il mio cazzo in mano, il mio pene diventò come d’acciaio.
Lei lo prese in bocca assaggiandolo prima e poi se lo mise tra le tette con il grembiule in mezzo. Mi fece una fantastica sega con le tette mentre me lo succhiava. Iniziai a bagnarmi e il mio cazzo emise un liquido vischioso che imbrattò tette, labbra e grembiule. “Vedo che ti piace figlio mio, ma adesso mammina vuole il tuo bel cazzo nella sua fighetta bagnata”.
Nel frattempo con l’altra mano si stava torturando il clitoride. Io allora la feci alzare e facendola voltare la feci mettere alla pecorina con le mani e le tette sui fornelli della cucina. “Mescola mentre ti fotto” dissi. E con il cazzo in tiro, spostai il laccio del grembiule e infilai finalmente la mia verga nella figa. L’aveva bagnatissima e quindi il mio cazzo sprofondò senza nessuna fatica. Mi stavo scopando mia madre, non credevo ai miei occhi. Ero in preda ad una follia mista a voglia di scopare.
I miei colpi le fecero ballare le tette che sbattevano sul davanti dei fornelli. Sapendo che ero matto per il grembiule la troia mise la mano nel clitoride, masturbandosi con la stoffa del tessuto e tirandomi di tanto in tanto il cazzo dentro la sua figa. La stavo scopando ormai da un quarto d’ora e mi disse che ero un vero cavallo. Non resistetti oltre i 20 min e quella vista e il godimento provato, mi procurarono un forte orgasmo.
Venni sul grembiule, da dietro, mentre lei mi teneva il mio cazzo con la stoffa che nuovamente imbrattai con la mia sborra. Avevo avuto il massimo che potevo desiderare, ma non immaginavo che in futuro avrei avuto di più. In preda all’eccitazione perchè l’avevo scopata, ormai lei si stava masturbando con il grembiule imbrattato di sborra, da dietro alla pecorina, restando in quella posizione, con le dita di quella fantastica mano, emettendo mugolii da porca. Sborrò anche lei emettendo un liquido denso che si mischiò con il mio.
Si asciugò con il tesuto del grembiule la figa ormai fracida. Con uno strofinaccio mi asciugò il cazzo. “Adesso lo posso lavare il grembiule?”. Io dissi che era il caso. Ci scambiammo un bacio.
“Sai, ho delle amiche che anche loro vedove hanno una gran voglia e tu un gran cazzo che........ ” Andai a farmi una doccia. Ritornai in cucina e vidi che mia madre aveva messo un nuovo grembiule con le ciliege stampate ovunque. Ci mangiammo le pizze e le focacce.
Deliziose come la scopata che mi ero appena fatto... il resto ve lo racconterò un’altra volta...